detrazioni e classificazioni

CONTO TERMICO 2.0

Il Conto Termico è un meccanismo di agevolazione istituito con il Decreto Ministeriale 28/12/12, con l’obiettivo di incentivare gli interventi volti ad aumentare l’efficienza energetica degli edifici e la scelta e produzione di energia da fonti rinnovabili. Tra gli interventi incentivati vi sono anche stufe e camini a biomassa. Gli incentivi si ottengono facendo richiesta all’ente preposto ad erogare i fondi, il GSE (Gestore dei Servizi Elettrici), che disciplina le modalità di accesso agli incentivi. Oggi l’erogazione della prima rata avviene entro 90 giorni dall’attivazione, mentre per tutti i prodotti con un incentivo inferiore ai 5.000 €, il rimborso viene erogato tutto in un’unica soluzione.


Per la richiesta degli incentivi, Mont-Export ha stipulato una convenzione con lo Studio 3E di Castelfranco Veneto - www.3estudio.eu


Scopri i nostri modelli incentivabili e scarica qui sotto le tabelle Stûv e Austroflamm




Download documentazione:



CAMPAGNA "ARIA PULITA" / CLASSIFICAZIONE A STELLE

In alcune regioni è prevista, in concomitanza di episodi acuti di inquinamento atmosferico, una limitazione dell'uso di quei generatori di calore che non rispondono a determinati standard - e sulla base di 5 diversi parametri, è stata stilata una tabella che classifica i prodotti - in funzione delle loro performance e sostenibilità - da 1 a 5 stelle.


Scopri quante stelle possiedono i nostri modelli Austroflamm, Stûv e Harrie Leenders



Download documentazione:



DETRAZIONE FISCALE 50%

E' stata prorogata fino al 31 dicembre 2018 la detrazione fiscale del 50% per l’acquisto e la posa in opera di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili, fino a un valore massimo della detrazione di 30mila euro.


Scarica le nostre note informative


Download documentazione:



IVA AGEVOLATA

Con legge 23/12/1999 n. 488 all’art. 7 comma 1 lett. B) è stata introdotta l’aliquota agevolata del 10% sulle prestazioni per interventi di recupero del patrimonio edilizio di cui all’art. 31 1° comma lett a), b) (manutenzione ordinaria e straordinaria), salvo per alcuni beni significativi individuati dal D.M. 29/12/1999 (fra cui le caldaie). Tale previsione è diventata a tempo illimitato con Legge 23/12/2009 n. 191 art. 2 comma 11.


Scarica il documento informativo



Download documentazione: